EVENTI BIBLIOTECA SCALCERLE

Posted by

PUNTATA n°1 presentazione del libro di F.Bonadonna e J.Coulon Larranaga, “Sulle corde del tempo. Una storia degli Inti-Illimani”.

Giovedì 8 febbraio alle 21 presso la nostra biblioteca è stato presentato il libro: Sulle corde del tempo. La storia del gruppo musicale degli Inti Illimani di Jorge Coulón Larrañaga e Federico Bonadonna.

PUNTATA n°2 presentazione del libro di Diego Valeri, Città materna con Mauro Sambi (docente UniPd e direttore di Padova University Press)

Il 22 marzo, in aula gialla, si è tenuta la presentazione del libro “Città Materna” di Diego Valeri, il racconto di una Padova vista con occhi fanciulleschi.
Mauro Sambi, docente UniPD e direttore di Padova University Press, si è prestato per introdurci al libro e alla storia dello scrittore.
Inoltre ci ha parlato del concorso organizzato da Progetto Giovani, in cui attraverso testi, foto e video si vuole incitare noi ragazzi a descrivere un posto a cui si è fortemente legati e le memorie che ne susseguono.
Infine abbiamo posto delle domande riguardanti chicche sul libro e approfondimenti sul concorso, quest’ultime trasformate in podcast qui allegato.

di Gaia Sambugaro 1GL

22/03/2024 ore 15:00

PUNTATA n°3 “Tre passi di jazz” con Stefano Merighi in Aula Gialla martedì 09/04/2024

09/04/2024 ore 18:00 “Tre passi di Jazz”

Il 9 aprile 2024 nell’aula gialla della nostra biblioteca si è svolto l’incontro con Stefano Merighi, ex docente
Scalcerle di filosofia nonché collaboratore di Rai Radiotre, durante il quale ha parlato del jazz, genere musicale del quale è esperto.
Merighi ha spiegato come il Jazz sia un genere ibrido che ha origini nel sud degli States a New Orleans, attorno agli anni ’10 del Novecento per poi diffondersi anche a Chicago e New York.
Durante il suo intervento sono stati ascoltati diversi brani, tra cui Potato head blue (1927) di Louis Armstrong che fu il primo artista ad introdurre la figura del solista nel jazz; questo artista infatti suonava non solo il trombone e il clarinetto ma anche il banjo e la batteria.
Negli anni successivi, a Chicago e New York, si sviluppa anche un filone pianistico nel jazz.
Duke Ellington, jazzista di successo, inventa negli anni ’30 la “Jungle music”, dove gli strumenti riproducono dei suoni sconnessi ed imitativi della realtà. Di tale musicista è stato ascoltato il brano Take The A Train che è usato come sigla di “Andiamo al cinema”, famosa rubrica di promozione cinematografica in televisione dal 1990.
Il jazz, in quell’epoca suonato per ballare nei locali notturni, aveva un’improvvisazione dominante ed è stato fonte di ispirazione per il blues. Inoltre, ha avuto un impatto molto forte nello sviluppo del rock e della musica leggera. Le esibizioni erano irripetibili ed uniche a causa delle limitazioni di registrazione, problema che fu risolto nel 1948 quando furono inventati i vinili a 33 giri.
A partire dal ’44 si diffuse il Be-bop, caratterizzato da un ritmo spezzato e strumenti solisti come il trombone ed il sax. A questo punto il jazz non era più una musica popolare ma intellettuale, in cui erano dominanti l’improvvisazione ed il virtuosismo.
Altri artisti jazz di successo furono Charlie Parker, Miles Davis, John Coltrane e la cantante Ella Fitzgerald.
Alla fine dell’incontro sono state poste le seguenti domande a Stefano Merighi,che riportiamo sinteticamente:
1 -Che influenza ha avuto il jazz sul rock?-
-Il jazz ha avuto una grande influenza sul rock grazie al blues. Anche la trasformazione di Presley è dal jazz.
2 -Quali sono le differenze tra jazz, soul e blues?- -Tutti provengono dalla stessa radice. Il jazz è improvvisato, dilatato in esecuzione e si nota la bravura dello strumentista, invece il blues e il soul sono immediati nella forma, hanno strofe semplici e non vi è ampiezza.
3 -Com’è nata la sua passione per il jazz?-
-È nata ascoltando questo genere da un’amica di mia madre e anche grazie ad una trasmissione RAI con Alfredo Cerri, ma la motivazione principale viene dalla batteria poiché mi piace l’idea del ‘batterista pazzo.’

di Jenny Beggiato 1GL

PUNTATA n°4 “La strategia dell’attenzione” con il fotografo Paolo Mazzo mercoledì 17/04/2024

17/04/2024 ore 18 “La strategia dell’attenzione”

 PUNTATA n°5 presentazione libro “E così sono” di Tomaso Bortolami 09/05/2024

Giovedì 9 maggio 2024 alle 20.30 è stato presentato nell’ Auditorium dell’I.I.S. Scalcerle E così sono, il nuovo libro di Tomaso Bortolami, docente Scalcerle. La presentazione è stata seguita da un pubblico numeroso, con momenti intensi e coinvolgenti di lettura alternati a drammatizzazione affidati alla voce e all’interpretazione di Nene Lorenzetto e Anna Valandro, accompagnati dal suono caldo e vellutato della chitarra di Carlo Stocchi che ha eseguito brani emozionanti e scelti con cura, come il gran finale sulle note di Rimmel di Francesco De Gregori.

C.B.

 PUNTATA n°6 PROJECT KUNE di Tommaso e Adriano:

cambiare la mentalità, sensibilizzare per un futuro sostenibile

  di David Seremi 3CL

Il Progetto KUNE, ideato da Tommaso e Adriano, è un’iniziativa volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del futuro sostenibile. Attraverso un viaggio intorno al mondo con il minor impatto possibile, i due viaggiatori mirano a presentare esempi concreti di modelli sostenibili a livello sociale, ambientale ed economico. Utilizzando i social media, documentano le loro esperienze per educare e ispirare altri a seguire il loro esempio.

Progresso del progetto

Finora, il Progetto KUNE ha raggiunto significativi traguardi:

39.000 km percorsi

40 iniziative sostenibili visitate

25 paesi esplorati

Il viaggio di Tommaso e Adriano è iniziato il 5 giugno 2023. Il nome KUNE, che significa “insieme”, riflette la convinzione che la sostenibilità possa essere raggiunta solo attraverso la collaborazione e l’unità e che solo così possiamo fare la differenza per il futuro del nostro pianeta.

Esperienze in Europa

Danimarca

In Danimarca, Tommaso e Adriano hanno visitato un’iniziativa che trasforma gli avanzi di pane delle panetterie di Copenhagen in pasta. Questa pratica sostenibile aiuta a ridurre lo spreco alimentare. Inoltre, hanno partecipato a un progetto di volontariato, contribuendo a riparare e ridipingere strutture, guadagnando così il vitto e l’alloggio.

Praga

A Praga, hanno osservato un progetto dedicato alle persone delle periferie cittadine che affrontano difficili condizioni sociali. Questo progetto si focalizza su temi cruciali come la prostituzione, il traffico di droga e la microcriminalità, offrendo supporto e soluzioni per migliorare la vita di queste comunità.

Avventure in Sud America

Il viaggio in Sud America ha presentato numerose sfide. Al confine con Panama, l’assenza di strade ufficiali dovuta alla conformazione naturale del territorio ha complicato la loro traversata. In Colombia e Venezuela, hanno vissuto esperienze particolari a causa dei persistenti problemi sociali e politici. Ad esempio, in un arco di 10 ore, sono stati fermati ben sette volte dalle autorità locali.

Prossima tappa: il Pacifico

Tommaso e Adriano sono ora diretti verso il Pacifico, pronti ad esplorare nuove iniziative sostenibili e a continuare la loro missione di sensibilizzazione globale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *